Stabilizzatori e supporti per videocamere: migliori prodotti di Maggio 2021, prezzi, recensioni

Se sei alla ricerca di stabilizzatori e supporti per le videocamere, sei nel posto giusto. In questa guida ti segnaleremo tutti i migliori prodotti di questa tipologia per migliorare la tua esperienza fotografica. Ti spiegheremo quali sono le peculiarità di questi due accessori e ti aiuteremo nella scelta dei modelli adatti a te. In commercio infatti troverai diverse tipologie di stabilizzatori e supporti, pertanto avrai bisogno di una guida completa per decidere al meglio prima del tuo acquisto.

Stabilizzatori per videocamere: cosa sono

Gli stabilizzatori sono degli strumenti che si usano nella fotografia e nella ripresa di tipo professionale. Si tratta di un sistema che ci consente di scattare delle immagini o di riprendere dei video molto nitidi, senza il tremolio creato dalla mano in fase di ripresa. Le immagini del video avranno così una fermezza e una nitidezza maggiori.

Lo stabilizzatore viene usato sia nelle fotocamere che nelle videocamere e può essere sia ottico che digitale. Potremo trovarlo all’interno della macchina fotografica o della videocamera ma si può anche apporre su un obiettivo aggiuntivo. Lo stabilizzatore ottico funziona tramite un giroscopio che asseconda i movimenti della mano dell’operatore e ne controbilancia le vibrazioni. E’ un sistema realizzato con più lenti che, muovendosi, vanno a correggere l’asse ottimo della ripresa ed ogni tipo di sfocatura viene rimossa.

Il modello digitale invece è realizzato con un processore che dispone di un software per elaborare le immagini già installate sul dispositivo. Questo tipo di stabilizzatore ovviamente funzionerà solo sugli apparecchi digitali e risulta meno costoso del primo.

Lo stabilizzatore è un ottimo accessorio per i videomaker o per i semplici appassionati. Ma occorre anticipare che non si tratta di un sostituto del treppiedi. Il cavalletto infatti servirà sempre per le riprese di lunga durata.

Come sono fatti

Se non avete ancora ben chiara l’idea di come sono fatti degli stabilizzatori per videocamere, ve lo spieghiamo subito.

Gli stabilizzatori sono di varie misure e possono assomigliare a degli strumenti a forma di metà quadrato. Quelli di piccole dimensioni vanno agganciati sotto alle videocamere attraverso delle viti di supporto. Dispongono infatti di viti regolabili e hanno una superficie di montaggio antiscivolo realizzata in gomma per far aderire al meglio la fotocamera. L‘impugnatura gommata servirà sia per sorreggere tutto l’assemblaggio e sia per fare da asse per il treppiede.

Lo stabilizzatore può essere anche portatile e, in questi casi, sono formati da tre assi con un manico da reggere in mano. Potremo anche posizionarli sulle superfici lisce per seguire alcune scene. Poi troveremo anche dei modelli molto più professionali con costi piuttosto alti. Come abbiamo già anticipato, gli stabilizzatori dovranno sempre coordinarsi con i treppiedi ma comunque offrono un’ottima base di appoggio.

Gli stabilizzatori professionali, invece, vanno applicati su una delle lenti che si trovano nello schema ottico dell’obiettivo di una reflex. Oppure vanno posizionati sul sensore della fotocamera in modo tale che il giroscopio sia in grado di correggere l’asse ottico per impedire ogni tipo di vibrazione e movimento involontario.

Stabilizzatori per videocamere: come scegliere il miglior prodotto

Se non sai come scegliere il miglior prodotto adatto a te, ti forniremo una breve guida per orientarvi al meglio all’acquisto.

Per prima cosa dovremo valutare bene gli assi dello stabilizzatore. Ogni modello dispone di un certo numero di assi, da uno fino a tre. Gli stabilizzatori con più assi, sono di solito quelli per reflex e quindi per le videocamere. Quelli a tre assi sono definiti “gimbal” e sono migliori rispetto agli altri perché garantiscono un maggior livello di stabilità. Lo stabilizzatore con una sola asse infatti, è di solito adoperato da chi vuole scattare selfie. Pertanto si tratta sempre di un sistema da reggere con le mani. Per ovviare davvero al tremolio prodotto dalle mani dell’operatore, il prodotto dovrà reggere a terra o su una superficie liscia.

Un altro fattore da valutare è il peso dello stabilizzatore. Ogni modello potrà sostenere una certa quantità di peso. Dunque dovremo valutare bene qual è la nostra attrezzatura fotografica e di quante parti è formata. Se ci serve uno stabilizzatore per fare dei video con lo Smartphone non ci sarà bisogno di preoccuparsi. Ogni modello andrà bene perché il telefono ha un peso irrisorio. Ma se dobbiamo caricare il corpo macchina della videocamera, un obiettivo grande, un flash e molti altri accessori, allora ci servirà uno stabilizzatore con un’ottima capacità di carico.

Poi dovremo dare un’occhiata anche alle maniglie dello stabilizzatore. I vari modelli dispongono di una o due maniglie e la scelta dipende solo dalle nostre esigenze. I modelli con la maniglia doppia risultano di certo più comodi se abbiamo un’attrezzatura importante.

Per ultimo, ma non meno importante, sarà fondamentale analizzare la facilità d’uso dei vari prodotti. Il gimbal, ad esempio, è molto semplice da usare. I videomaker di professione invece dovranno optare per degli stabilizzatori più avanzati che si collocano in una fascia di prezzo molto più alta.

Cos’è lo stabilizzatore Gimbal

Nei paragrafi precedenti abbiamo accennato allo gimbal, questo modello di stabilizzatore a tre assi molto comune e preferito dalla maggioranza degli acquirenti. Scopriamo subito di cosa si tratta.

Lo stabilizzatore gimbal è uno strumento molto facile da usare e serve a dare una maggiore stabilità alla videocamera durante delle riprese. In questo modo il videomaker sarà facilitato nelle sue operazioni. Grazie al gimbal potrete realizzare delle riprese molto fluide anche in presenza di scatti molto rapidi e non avrete più quel fastidioso effetto mosso e tremolante.

Il gimbal dispone di 3 assi che poggiano a terra e regalano grande stabilità alla vostra apparecchiatura fotografica. Il supporto dispone di uno o più manici e ha una serie di punti di giuntura e dei motori brushless che controbilanciano le vibrazioni involontarie stabilizzando tutta la ripresa.

Stabilizzatori e treppiedi: come usarli insieme

Molti acquirenti si chiedono spesso se gli stabilizzatori devono essere usati insieme al treppiede, ovvero al miglior cavalletto in circolazione per dare un sostegno statico alle videocamere.

Usare uno stabilizzatore è molto utile, soprattutto quando si effettua una ripresa a mano libera, ovvero senza l’ausilio del treppiede. I movimenti sono tuttavia compensati anche con il treppiede. Nei primi tempi in cui è stato creato il prodotto, usare il treppiedi con lo stabilizzatore montato, creava dei disorientamenti. Infatti il giroscopio dello stabilizzatore non riusciva a capire qual era la stabilità e quindi inviava comunque dei segnali per compensare dei movimenti che, nella maggior parte dei casi, erano inesistenti. Venivano quindi a crearsi dei segnali mossi che non rendevano nitide le riprese.

Prima si sconsigliava l’uso del treppiedi e dello stabilizzatore, ma ora le cose sono cambiate. Il problema del giroscopio è superato e oggi si può lasciare lo stabilizzatore montato quando la videocamera è sul treppiede. 

Con l’uso dei teleobiettivi, ad esempio, si consiglia l’uso dello stabilizzatore insieme al treppiede. Quando il teleobiettivo ha delle elevate distanze focali, il peso è maggiore quindi creerà di certo delle vibrazioni.

Migliori prodotti

Negli store online troverete ottimi stabilizzatori per videocamere in varie fasce di prezzo.

Tra questi, vi consigliamo il modello del brand DJI, lo troverete con facilità online. E’ l’ideale se volete fare delle riprese di qualità dal vostro smartphone. Il costo di questo modello è alto, da questo potremo capire che si tratta di un sistema molto buono. Si tratta di uno stabilizzatore Gimbal con 3 assi ed è anche compatibile con gli iPhone.

Ottimi ed economici sono i modelli di Arlo per videocamere, ma anche i più qualitativi modelli del noto brand italiano Manfrotto.

Classe 1993, laureata in Lingue e in Giornalismo e nata a Roma. Da sempre sono un’appassionata di scrittura in ogni sua forma: dalla cronaca all’attualità fino alla tecnologia. Sono una grande appassionata di fotografia e amo scoprire nuovi accessori per scattare fotografie straordinarie. Approfondire le tematiche è il mio unico credo, prima di tutto c’è sempre la Scoperta.

Back to top
menu
accessoripervideocamere.it